Musei, cinema, hotel e ristoranti ‘family friendly’: la Puglia punta sul turismo dedicato a bimbi e genitori

La Puglia strizza l’occhio alle famiglie con il varo di un marchio regionale di qualità ‘Puglia loves family’. Alberghi, musei, luoghi di cultura e spettacolo potranno accreditarsi presso la Regione Puglia per usufruire del nuovo marchio. Questo grazie a un disciplinare per la macrocategoria della ricettività turistica suddiviso in sei aree con 45 indicatori da rispettare. Tra i requisiti obbligatori per le strutture alberghiere ci sono ingressi e ascensori accessibili ai passeggini, adattatori per water e riduttori di vasca o vaschetta per il bagno, gli scalda biberon, i fasciatoi e gli omogenizzati.

“Elementi già presenti nelle strutture pugliesi – ha spiegato l’assessora regionale allo Sviluppo conomico, Loredana Capone – ma non adeguatamente valorizzati così come accade in altre regioni come il Trentino, da cui abbiamo preso spunto. In questo modo ci rivolgiamo alle famiglie che viaggiano e che pretendono un’accoglienza professionale ed efficiente e noi vogliamo garantirgliela in questa rete virtuosa che accomuna non soltanto gli imprenditori, ma anche i Comuni e la Regione”.

“Daremo concretezza a questo progetto – ha detto l’assessore regionale al Welfare, Salvatore Negro – e l’assegnazione del marchio consente agli operatori turistico-culturali di appartenere a una rete riconoscibile in ambito nazionale e internazionale veicolando così il turismo delle famiglie in luoghi accreditati e organizzati per una così specifica accoglienza”.

Precedente Settimana Santa:Ospiti a Vico il giornalista Toni Mira e diversi blogger rinomati Successivo Polpettine di asparagi selvatici con caciocavallo.Ricetta facile e veloce