Carpino:Rubata la bara di Piccininno .Chi sa parli e metta fine a questa vergogna

“Profanata e rubata la bara del grande Antonio Piccininno, che ha fatto la storia della canzone popolare del Gargano. Un gesto esecrabile che provoca in tutti noi sentimenti di rabbia e di sconcerto. Piccininno ha raccontato la nostra terra e le nostre tradizioni come nessuno, traducendole in arte straordinaria. Sono sentitamente vicino al dolore della sua famiglia e di tutti gli amici dell’Associazione “Cantori di Carpino”. L’auspicio è che le forze dell’ordine assicurino alla giustizia i responsabili e restituiscano le spoglie dell’artista ai suoi affetti per una degna sepoltura”. Così il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta.511c172c6435a0ec0692b88eb1f4be58_l

Pecorella: “Gesto assurdo che umilia e ferisce l’intera comunità garganica”

Siamo di fronte a gente malata che non ha rispetto né dei morti, né dei vivi. Non ci sono parole per definire un gesto assurdo i cui autori spero siano assicurati alla giustizia in tempi rapidi. Sono vicino alla famiglia di zì Antonio, umiliata e ferita così come l’intera comunità garganica che in Antonio Piccininno ha sempre visto un esempio di umiltà e generosità. Ci
affidiamo tutti alle forze dell’ordine affinché risolvano questo caso che sa dell’incredibile”. Così il Presidente del Parco Nazionale del Gargano Stefano Pecorella commenta il furto della bara con all’interno il corpo di Antonio Piccininno, avvenuto questa notte a Carpino quando ignoti hanno scardinato la porta d’ingresso della tomba di famiglia, divelto la lapide e
portato via il sarcofago dell’artista. Sul caso indagano i carabinieri di Vico del Gargano, oltre ai reparti scientifici dell’Arma.

I commenti sono chiusi.